SIRIA: Un sistema per diffondere i risultati della ricerca italiana in Antartide - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene SIRIA: Un sistema per diffondere i risultati della ricerca italiana in Antartide

COMUNICATI STAMPA

SIRIA: Un sistema per diffondere i risultati della ricerca italiana in Antartide


L'Italia avvia il Progetto SIRIA (Sistema Informativo Ricerca Italiana in Antartide) per la gestione e diffusione delle informazioni (definite "metadati") sulla ricerca italiana in Antartide.

Il progetto, che è diretto da un gruppo di lavoro in cui sono rappresentati tutti i settori del Programma Nazionale di Ricerca in Antartide (PNRA), avrà la durata di tre anni e si avvarrà del supporto di una task force di giovani ricercatori.

La Banca Dati, alla cui compilazione partecipa tutta la comunità scientifica del PNRA, costituirà il contributo italiano all'Antarctic Master Directory. Con la messa a punto di SIRIA, l'Italia si allinea agli altri Paesi nella politica dello scambio dei risultati della ricerca scientifica nel continente antartico, quali: Argentina, Australia, Cile, Cina, Germania, Giappone, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Spagna, Regno Unito, USA.

Infatti, in base al Trattato Antartico (Art. III C) le ricerche che si svolgono nel continente antartico e la diffusione dei relativi risultati devono essere ispirati a criteri di massima apertura nell'ambito della comunità scientifica internazionale. Una concreta politica degli scambi dei dati scientifici antartici è già in corso grazie ad iniziative avviate dalle varie istituzioni internazionali che operano in Antartide.

In particolare, nel 1997 è stato costituito un Joint Committee on Antarctic Data Management (JCADM), istituito dallo SCAR (Scientific Committee on Antartctic Research) e dal COMNAP (Council of Managers of National Antarctic Programs), a cui partecipano i gestori del National Antarctic Data Center (NADC) e rappresentanti dello SCAR.

Roma, 22 Maggio 2003

[ Torna inizio pagina ]

2005/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM