Tecnologie Innovative per la lotta alla desertificazione - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Tecnologie Innovative per la lotta alla desertificazione

COMUNICATI STAMPA

Tecnologie Innovative per la lotta alla desertificazione
Il Progetto RIADE per una gestione sostenibile degli ecosistemi


Oggi, nel corso del workshop ENEA “Desertificazione e gestione sostenibile degli ecosistemi” sono stati presentati i risultati del progetto ENEA RIADE 1, a conclusione dei lavori durati 4 anni, che hanno preso in considerazione le regioni maggiormente interessate dal fenomeno della desertificazione: Basilicata, Puglia, Sicilia e Sardegna.
Il processo di desertificazione è stato studiato nelle tre principali componenti: sistema suolo, risorse idriche ed ecosistemi vegetali. Ciò ha richiesto l’integrazione di tecnologie, come il telerilevamento, la spettrometria laser, le analisi isotopiche, con discipline quali la meteorologia, la pedologia, la geologia, l’idrologia, la biologia, l’archeologia, la sociologia.
La desertificazione è un processo di degrado dell’ambiente determinato dall’interazione negativa tra l’impatto delle attività umane e gli eventi climatici. Recentemente assistiamo a periodi di siccità alternati a forti precipitazioni che accelerano il processo, laddove il territorio è strutturalmente più vulnerabile. La desertificazione causa una graduale perdita di produttività delle terre e compromette la capacità di un territorio, nella totalità dei suoi fattori, di fornire servizi a beneficio della collettività. Negli ultimi decenni, la desertificazione sta interessando sia l’Europa che l’Italia. In Europa sono presenti circa il 6% delle regioni aride del pianeta: 1/3 di queste terre è già colpito da desertificazione a causa delle attività antropiche. In Italia il 30% del territorio, concentrato prevalentemente nelle regioni meridionali, è a rischio desertificazione.
Il Prof. Luigi Paganetto, Commissario Straordinario dell’ENEA, ha detto: “La lotta alla desertificazione è uno strumento per la gestione sostenibile degli ecosistemi e del territorio. La ricerca realizzata, le tecnologie e i processi innovativi messi a punto con le imprese rappresentano un presupposto di sviluppo e competitività per il sistema Paese. L’obiettivo futuro sarà quello di portare il progetto sul mercato attraverso il trasferimento tecnologico”.
RIADE è un progetto innovativo per le tecnologie utilizzate e sviluppate, e per l’approccio multidisciplinare delle conoscenze che integra diverse competenze: mondo accademico, ricerca applicata, imprese private e pubbliche amministrazioni.
Nell’ambito del progetto RIADE, sono stati sviluppati modelli e strumenti operativi che potranno supportare le Amministrazioni Pubbliche nella pianificazione e gestione del risorse del territorio, con l’obiettivo di mitigare i processi di desertificazione ed applicare strategie di sviluppo sostenibile capaci di considerare la molteplicità di fattori che caratterizzano gli ecosistemi.
CASPER2, che è uno spettrometro laser, è una delle tecnologie innovative sviluppate per ottenere indagini istantanee sulla qualità delle acque, e in particolare, sulla presenza di sostanze naturali o inquinanti di origine antropica o industriale presenti anche su vaste aree acquifere e consente di effettuare un’analisi del campione senza bisogno di alcun trattamento. Sono stati messi a punto anche modelli matematici come l’Environment Model Building, che consentono, in uno specifico territorio, di definire lo stato attuale dei processi di desertificazione e di fornire specifiche informazioni sull’andamento futuro del fenomeno, determinandone il trend.  

Le tecnologie sviluppate dal progetto RIADE, per essere efficaci ed avere un impatto positivo sul territorio e sulle sue risorse naturali, hanno necessariamente bisogno di passare dalla fase di prototipo alla fase di commercializzazione. E’ fondamentale quindi garantirne il trasferimento tecnologico con il sostegno e l’investimento degli istituti di credito e delle imprese. Il Progetto RIADE ha avuto come ricadute iniziative di spin-off e  applicazioni per la programmazione eco-sostenibile in supporto alle Amministrazioni Pubbliche.

 

Approfondimenti


--------------------------------------
1 RIADE - Ricerca Integrata per l'Applicazione di tecnologie e processi innovativi per la lotta alla Desertificazione, cofinanziato dal Ministero per l'Università e la Ricerca Scientifica (MIUR) nell'ambito del Programma Operativo nazionale di "Ricerca, Sviluppo Tecnologico ed Alta Formazione" (2000-2006), per un valore di circa 9 milioni di euro. I partner sono la società ACS (Advanced Computer System) e il Nucleo di Ricerca sulla Desertificazione dell'Università di Sassari (NRD).

2 CASPER - Compact and Advanced Laser SPEctrometer for RIADE - Brevetto ENEA

 

Roma, 11 Dicembre 2006

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM