I risultati della ricerca ENEA per l’innovazione delle imprese - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene I risultati della ricerca ENEA per l’innovazione delle imprese

COMUNICATI STAMPA

I risultati della ricerca ENEA per l’innovazione delle imprese


“La ripresa economica e la competitività delle imprese italiane dipende dalla capacità di acquisire nuove tecnologie all’interno dei processi produttivi perché l’innovazione è la chiave per far fronte alla sfida del mercato globalizzato, per la valorizzazione dei talenti, per creare lavoro e per la crescita sostenibile” -  ha detto il Commissario ENEA, ing. Giovanni Lelli, al convegno “Ricerca pubblica e impresa: fare sistema”, organizzato oggi dall’ENEA.

“Nel suo nuovo ruolo di Agenzia - prosegue Lelli -  l’ENEA si propone di realizzare un rapporto più stretto tra mondo della ricerca e il sistema produttivo per portare all’interno delle imprese quelle soluzioni innovative necessarie a renderle più competitive sul mercato. Le competenze e le risorse strumentali dei laboratori e degli impianti dell’ENEA e delle sue società partecipate vengono messe in campo per trasferire i risultati della ricerca all’interno del sistema industriale e per fare ricerca insieme alle stesse imprese. Allo stesso tempo, l’ENEA intende proteggere i propri brevetti e valorizzare e diffondere i risultati delle proprie attività di ricerca, dando vita all’interno dei suoi laboratori a società spin-off”.

L’incontro di oggi è stato l’occasione per presentare l’intero “sistema ENEA”, costituito da spin-off, esempi di licensing di brevetti e partecipazioni in Consorzi e Società, coinvolgendo i principali attori del trasferimento tecnologico: istituzioni, università, imprese, investitori. Sono stati illustrati alcuni esempi di valorizzazione dei risultati della ricerca, ed in particolare sono stati presentati alcuni casi di successo in cui ricerca pubblica e impresa hanno fatto “sistema”.

Lo spin-off Ylichron
Costituita nel 2005, Ylichron Srl è stata la prima società spin-off di ricerca nelle tecnologie informatiche avanzate a nascere dai laboratori ENEA. La società ha sviluppato e industrializzato un innovativo software, denominato HCE, Harwest Compiling Environment, per la progettazione di dispositivi di calcolo basati sull’utilizzo di logiche riprogrammabili. Il software HCE, interamente realizzato da Ylichron, dispone di una tecnologia molto avanzata che lo colloca in una nicchia di mercato di sistemi per la progettazione digitale con pochi competitori sul piano internazionale.

Nel corso del Convegno è stata ufficializzata l’acquisizione del prodotto HCE, avvenuta a fine ottobre 2010, da parte della società francese Accelize Sas, specializzata nella produzione di schede digitali professionali contenenti dispositivi programmabili. La semplicità e l’efficienza con cui HCE permette di progettare dispositivi programmabili contenuti sulle schede è stata considerata da Accelize un’opportunità tecnologica competitiva per i propri prodotti. La società Accelize ha offerto in cambio quote azionarie alla Ylichron, e ha provveduto a creare una società di diritto italiano, denominata PLDA Italia, che ha rilevato tutto il personale di Ylichron, oltre ai ricercatori ENEA, a cui si deve lo sviluppo dell’idea e la realizzazione del prodotto HCE.  Saranno loro a gestire PLDA Italia ed a continuare lo sviluppo tecnologico di HCE, curandone l’integrazione nelle schede hardware della Accelize.

Ylichron è anche proprietaria di Genechron, un laboratorio di biotecnologie che fornisce servizi di genomica (ad es. il sequenziamento di DNA), metabolomica (sistemi diagnostici di malattie metaboliche) e di biologia computazionale (modelling molecolare per la progettazione di nuove molecole). Dopo una fase di avvio, il laboratorio Genechron verrà messo sul mercato come entità industriale a sé stante, attraverso un ulteriore processo di spin-off da Ylichron.

Il solare termodinamico
Il Progetto Solare Termodinamico è stato avviato dall’ENEA nel 2001 con l’obiettivo di  sviluppare una soluzione innovativa di impianto solare a collettori parabolico-lineari. Questa tecnologia si basa sulla concentrazione della radiazione solare su un tubo ricevitore al cui interno scorre un fluido termo-vettore, costituito da una miscela di sali fusi, che viene riscaldata fino a 550 °C, per accumulare il calore da utilizzare per la produzione di vapore ad alta pressione. Il vapore viene utilizzato in gruppi turbogeneratori per la produzione di energia elettrica come nelle tradizionali centrali termoelettriche.

Alle attività di Ricerca e Sviluppo hanno partecipato molte aziende nazionali, a cui l’ENEA ha trasferito la tecnologia dei componenti del campo solare per la loro fabbricazione su scala industriale, ed in particolare: Archimede Solar Energy (del Gruppo Angelantoni Industrie), per la fabbricazione del tubo ricevitore, Ronda  e Reflex per la fabbricazione dei pannelli riflettenti  e DD Costruzioni Meccaniche, per la realizzazione della struttura portante del collettore solare di ultima generazione. Grazie alla collaborazione tra ENEA ed ENEL, è stato recentemente realizzato ed inaugurato l’impianto solare dimostrativo Archimede, da 5 MWe, che è stato integrato nell’impianto turbogas a ciclo combinato già esistente di Priolo Gargallo (Siracusa).

L'ENEA prosegue nello sviluppo dei componenti critici del sistema, con l’obiettivo di migliorarne le prestazioni e ridurre i costi, in collaborazione con le aziende sopra citate e con altre aziende interessate ad intervenire in un settore in rapida espansione. Di particolare rilievo in tal senso sono le azioni di ricerca e sviluppo, ma anche di supporto alla produzione industriale, che proseguono in collaborazione con Archimede Solar Energy per una nuova generazione di tubi ricevitori.

Per il futuro è prevista la partecipazione ENEA alla realizzazione di un impianto solare da 1 MW in Egitto e la partecipazione ad un Progetto finanziabile dalla Comunità Europea per la realizzazione di un impianto da 30 MWe nella regione Sicilia. Sono in fase di definizione anche altri contratti di cooperazione con imprese italiane ed estere, per la realizzazione di impianti sperimentali e di produzione.

Dossier "Ricerca pubblica e impresa: fare sistema. Spin-off, società partecipate e brevetti ENEA"

Programma evento

"Ricerca pubblica e imprese. L'ENEA punta tutto sul trasferimento tecnologico"

 

Roma, 10 Novembre 2010

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM