Il Commissario ENEA evidenzia la necessità di risorse qualificate per il programma nucleare italiano - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Il Commissario ENEA evidenzia la necessità di risorse qualificate per il programma nucleare italiano

COMUNICATI STAMPA

Il Commissario ENEA evidenzia la necessità di risorse qualificate per il programma nucleare italiano


“In vista del nuovo programma nucleare italiano è necessario identificare per tempo le esigenze di formazione e gli interventi per disporre delle competenze necessarie.” – ha dichiarato l’ing. Giovanni Lelli, Commissario dell’ENEA, aprendo il lavori del convegno “La formazione delle risorse umane nel nuovo programma nucleare”, che si è tenuta oggi all’ENEA – “La carenza di competenze può diventare una criticità per lo sviluppo dei programmi nazionali, nel caso si dovesse determinare uno squilibrio tra domanda e offerta di risorse umane qualificate, dovuta all’aprirsi di nuove opportunità professionali fuori dall’Italia, vista la crescente attenzione verso il nucleare anche di altri Paesi”.

“La qualificazione delle risorse è indispensabile per affrontare la sfida tecnologica che un programma nucleare comporta, che è soprattutto una sfida di sistema, perché contribuisce allo sviluppo di conoscenze multidisciplinari  e impegna una molteplicità di attori e risorse diversi”.

“Generazioni di studenti si sono potuti formare e fare esperienza sul campo nelle infrastrutture e sugli impianti operativi dell’ENEA, che oltre a svolgere questo ruolo nella formazione sul nucleare, ha anche l’esigenza di acquisire competenze tecnico-scientifiche di alto profilo per i propri progetti di ricerca”.

Nel corso del convegno è stato presentato lo studio realizzato dall’ENEA sulle competenze necessarie all’Italia per realizzare il suo piano nucleare. Lo studio anticipa le richieste di risorse umane qualificate che si manifesteranno non solo per esercire la centrale ma anche secondo gli alti standard di qualità e sicurezza specifici del nucleare, per gestire, la fase di progettazione, realizzazione e qualifica della componentistica cui può partecipare l’industria italiana. L’analisi dello spettro di competenze nucleari prende in considerazione tutte le figure professionali, fino a comprendere saldatori o i project manager, figure che possono rivelarsi critiche.

Nel rapporto si evidenzia che, nel corso della lunga moratoria sul nucleare, le università hanno continuato a mantenere i corsi di ingegneria nucleare e anche le attività di ricerca in questo settore sono continuate all’interno dei programmi europei. Ora, però, si richiede un salto di qualità per sostenere l’università e il mondo della ricerca perché l’Italia si metta al passo con gli altri Paesi che hanno il nucleare.

Programma evento

   Analisi delle necessità formative per il programma nucleare italiano

Resoconto dell'evento

"Risorse qualificate cercasi per il programma nucleare italiano"

 

Roma, 26 Gennaio 2011

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM