L'ENEA aderisce all'iniziativa M'illumino di meno di Caterpillar e accende il tricolore sulla facciata della sede di Roma con fari a led - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene L'ENEA aderisce all'iniziativa M'illumino di meno di Caterpillar e accende il tricolore sulla facciata della sede di Roma con fari a led

COMUNICATI STAMPA

L'ENEA aderisce all'iniziativa M'illumino di meno di Caterpillar e accende il tricolore sulla facciata della sede di Roma con fari a led


Anche quest’anno, l’ENEA aderisce a “M’illumino di meno”, l’iniziativa lanciata dal programma radiofonico della RAI “Caterpillar” per il 18 febbraio, spegnendo tutte le luci dell’edificio della sede di Roma alle ore 18.00 in punto. Nello stesso momento si accenderà un enorme tricolore sulla facciata dell’edificio, alto 20 metri, realizzato con fasci di luce ottenuti con tre potenti fari a Led.

L’illuminazione “pulita” e “risparmiosa” del nostro tricolore è, infatti, il tema della campagna di risparmio energetico di quest’anno che si associa all’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia.
Pertanto, continueremo ad accendere i nostri fari tutte le sere fino al 17 marzo, festa dell’Unità d’Italia.

I fari, che possono essere programmati per emettere luci anche di altri colori,  verranno successivamente utilizzati per sostituire i fari alogeni, che attualmente illuminano la facciata esterna dell’edificio.  I tre fari hanno un assorbimento totale di 210 W (meno di quanto assorbe un frullatore) e   andranno a  sostituire 4 fari da 250 W l’uno, con un risparmio notevole sui consumi elettrici.

Questa iniziativa si aggiunge ad altri interventi per il risparmio energetico effettuati nel corso dell’ultimo anno nell’edificio della sede di Roma dell’ENEA. Un intervento particolare riguarda la produzione di acqua calda, che viene fornita da un unico scaldabagno centralizzato a pannelli solari, che ha sostituito 40 scaldabagni elettrici (altamente energivori), e che viene alimentato anche dal recupero di calore proveniente dai condizionatori d’aria. 

Per quanto riguarda l’illuminazione, le stanze ed i corridoi dell’edificio saranno dotati di sensori di presenza che, automaticamente, si accendono quando ci sono persone negli ambienti e si spengono  se non c’è nessuno.

L’ENEA è particolarmente attiva nella realizzazione di interventi di riduzione dei consumi energetici in tutte le sue infrastrutture, anche perché svolge la funzione istituzionale di Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica. Un esempio emblematico è la messa in funzione di un impianto di  “solar cooling” presso il Centro Ricerche Casaccia, vicino Roma, che utilizza il calore del sole per climatizzare un grande edificio. 

 

 

 

Roma, 14 Febbraio 2011

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM