L'ENEA mette in campo le reti neurali della Stazione ATMOSFERA per la qualità dell'aria in città - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene L'ENEA mette in campo le reti neurali della Stazione ATMOSFERA per la qualità dell'aria in città

COMUNICATI STAMPA

L'ENEA mette in campo le reti neurali della Stazione ATMOSFERA per la qualità dell'aria in città
COMUNICATO STAMPA


In occasione del convegno: "Qualità dell’aria nelle città italiane" in corso oggi all'Accademia dei Lincei, l'ENEA presenta “ATMOSFERA”, una Stazione intelligente in grado di tenere sotto controllo l’inquinamento urbano e di prevedere con tre giorni di anticipo situazioni di emergenza.

Con la Stazione "ATMOSFERA", l'ENEA ha sviluppato una tecnologia di avanguardia che realizza previsioni certe attraverso un modello di elaborazioni matematiche di tipo intelligente che utilizza le reti neurali, in grado di combinare insieme elementi di fisica, meteorologia, ambiente, machine learning e di statistica.

Il sistema di reti neurali è in grado di prevedere i livelli di concentrazione in aria degli inquinanti rilevati dalle centraline di monitoraggio della qualità dell’aria (CO, SO2, O3, PM10, NO2, benzene), elaborando le serie storiche degli stessi inquinanti, le variabili meteorologiche già rilevate e le previsioni meteo a breve.

L'adozione di questo sistema previsionale da parte delle Amministrazioni Comunali delle grandi città permette di disporre di un supporto tecnologico automatico finalizzato ad orientare le scelte degli interventi di prevenzione da mettere in atto per scongiurare il verificarsi di situazioni atmosferiche critiche con un anticipo di tre giorni, nonché fornisce dati certi per un corretto controllo della qualità dell’aria e per l’adozione di soluzioni migliorative.

Il modello è, infatti, in grado di prevedere sia eventi di superamento dei valori critici, che di discernere tra situazioni di criticità costante (come per il PM10) e situazioni di eccedenze sporadiche (come accade per l'ozono).

Questo modello predittivo a reti neurali si dice "intelligente" perché è in grado, attraverso l'addestramento al quale viene periodicamente sottoposto, di apprendere e migliorare la conoscenza necessaria per effettuare le previsioni migliorandone sempre più l'efficacia. Infatti le previsioni si ottengono utilizzando anche i dati ricavati dall’apprendimento. L'apprendimento è stato organizzato sull'elaborazione dei dati meteo e di qualità dell'aria rilevati nella finestra temporale degli ultimi quattro mesi, ai quali vengono combinati anche i dati relativi ad eventi di superamento dei valori critici verificati negli ultimi anni.

In questo modo è stato possibile ottenere un maggiore adattamento del modello predittivo ai cambiamenti meteo-diffusivi migliorando la sua capacità di apprendimento e di previsione.

ATMOSFERA: Analisi e Trattamento dati Meteo con l'Obiettivo di individuare Statisticamente FEnomeni Relativi all'inquinamento dell'Aria

Roma, 06 Giugno 2005

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM