Sole vento e mare: energie rinnovabili e paesaggio - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Sole vento e mare: energie rinnovabili e paesaggio

COMUNICATI STAMPA

Sole vento e mare: energie rinnovabili e paesaggio
Premiazione progetti 2011 e lancio Concorso Internazionale 2012


Mulini all’avanguardia, torri di segnalazione portuale che a mo’ di alberi captano il vento, strutture per l’accoglienza turistica alimentate dal moto ondoso, pontili elettrici: queste le soluzioni made in italy che sono state selezionate per “Sole vento e mare: energie rinnovabili e paesaggio”, in grado di conciliare l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia con la tutela del paesaggio mediterraneo.

Le idee progettuali sono state illustrate oggi a Roma nell’ambito della premiazione del concorso internazionale di idee “Sole vento e mare - Le energie rinnovabili per le isole minori e le aree marine protette italiane”, promosso da Marevivo con GSE, ENEA, Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l'architettura e l'arte contemporanee - , Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Segretariato Generale – e Citera dell'Università di Roma La Sapienza.

In occasione della premiazione 2011 viene lanciata l’edizione 2012, giunta ormai al terzo anno. L’obiettivo è quello di stimolare la ricerca di soluzioni progettuali che sappiano produrre energia dalle fonti rinnovabili – sole, vento, geotermia, biomasse, energia delle onde –  nel rispetto dell’ambiente, delle isole minori e delle aree marine protette italiane con particolare riferimento all’architettura del luogo e del paesaggio.
I progetti premiati testimoniano una diffusa e crescente sensibilità nei confronti di queste tematiche da parte delle imprese, degli studenti e degli studi di architettura, ingegneria o di industrial design che hanno partecipato al concorso.

I vincitori per le diverse categorie e tipologie progettuali sono:
Categoria Professionisti/Imprese - Tipologia ‘Componente’   
Primo Classificato: Costen S.r.l.
“Wind Trees”  (Isola del Giglio)
Il progetto propone la trasformazione delle torri di segnalazione di ingresso ai porti - che costituiscono un elemento necessario al traffico portuale – in strutture che offrono l’opportunità di captare il vento per fornire energia alle utenze portuali e che si caratterizzano per l’integrazione nel contesto paesaggistico.

Categoria Professionisti/Imprese - Tipologia ‘Sistema impiantistico’  
Primo Classificato: Riccispaini Architetti Associati S.r.l.  
“ECODEHOR” (Isola di Pantelleria)
Il progetto propone una struttura leggera denominata “Ecodehor” in acciaio, legno e vetro da realizzare sul lungomare per l’accoglienza dei turisti. E’ costituita da elementi che pemettono lo sfruttamento dell’energia solare - grazie ad una copertura captante con collettori solari - e dell’energia dal moto ondoso - grazie ad un impianto a colonna d’acqua oscillante - che ne fanno una vera e propria macchina ecologica ad alta efficienza energetica. L’“Ecodehor” può ospitare al suo interno vari servizi turistici come bar, ristorante o persino il mercato del pesce. La struttura, che ha caratteristiche modulari, si inserisce bene nel paesaggio, creando anche una riqualificazione di un’area di non particolare pregio.


Categoria Professionisti/Imprese - Tipologia ‘Sistema impiantistico’
Secondo Classificato: Gruppo UNIPR
“E-Piers” (Isola di Palmaria – Comune di Porto Venere)
Il progetto propone la realizzazione di due “pontili elettrici” che sostituirebbero quelli già esistenti in loco e che, oltre ad avere la funzione di ormeggio e passaggio pedonale, permetteranno di produrre energia elettrica, grazie all’applicazione di speciali dispositivi integrati in maniera non visibile all’osservatore, denominati WEC. Questi dispositivi permettono di generare un flusso d’aria unidirezionale che mette in moto una turbina eolica producendo energia elettrica utlizzabile dalle utenze della zona. I pontili, più lunghi di quelli attuali, sono in grado di assicurare una maggiore difesa della costa dall’erosione.

Categoria “Tesi di laurea”
Chiara Agosti
“Riserva Naturale Isole dello Stagnone di Marsala”
Lo studio riguarda l’integrazione di sistemi di microgenerazione eolica all’interno di un percorso naturalistico, caratterizzati dal design innovativo con elementi polifunzionali quali parcheggio bici, ricarica di dispositivi portatili, pensiline ombreggianti, pannelli informativi ed altri.



“Sole vento e mare: energie rinnovabili e paesaggio” è un’iniziativa che nasce da un protocollo d’intesa stipulato tra Marevivo, GSE, Enea, Ministero dell’Ambiente, Ministero per i Beni Culturali e Università La Sapienza e che, in questi anni, ha permesso di far emergere idee e competenze calibrate su isole e aree marine protette, cioè territori di particolare pregio e laboratori ideali per lo sviluppo di politiche ispirate alla sostenibilità e al corretto uso delle varie fonti energetiche.
L’efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti alternative sono tra i principali obiettivi indicati dall’Unione Europea. Come è noto, infatti, entro il 2020 i consumi di energia da fonte rinnovabile dovranno essere almeno il 20% del totale dei  consumi finali di energia.

Roma, 16 Maggio 2012

[ Torna inizio pagina ]

2005/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM