Ricercatori per un giorno, Green Cross e l'ENEA incontrano le scuole - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Ricercatori per un giorno, Green Cross e l'ENEA incontrano le scuole

COMUNICATI STAMPA

Ricercatori per un giorno, Green Cross e l'ENEA incontrano le scuole


Cosa c’è in Antartide? Quali animali popolano il continente di ghiaccio? Che tipo di attività portano avanti i nostri ricercatori? A queste e ad altre domande risponderanno gli esperti del Programma nazionale di ricerche in Antartide (Pnra) in occasione dell’incontro “Ricercatori per un giorno”, che si terrà martedì 22 gennaio al Museo dei Bambini di Roma Explora.

L’appuntamento, riservato alle scuole primarie e secondarie di Roma e provincia, è organizzato dall’associazione ambientalista Green Cross Italia in collaborazione con l’ENEA allo scopo di far conoscere agli studenti il continente antartico e le attività di ricerca che l’Italia vi svolge fin dal 1985.

In maniera dinamica e informale, attraverso la testimonianza diretta dei ricercatori e un video-collegamento con la stazione italiana in Antartide “Mario Zucchelli”, 50 giovani potranno toccare con mano i principi della ricerca anche con divertenti prove pratiche e porranno agli esperti le loro domande. A guidare gli studenti in questo viaggio sarà il professore Giorgio Budillon, dell’università di Napoli Parthenope, responsabile di un progetto di ricerca che lo scorso anno lo ha portato in Antartide a bordo della nave oceanografica “Italica”.

I ragazzi saranno, inoltre, coinvolti nel concorso “Immagini per la Terra, l’iniziativa di educazione ambientale che Green Cross riserva ogni anno alle scuole italiane, dedicata quest’anno all’acqua.

I dati Istat rivelano che dal 1999 al 2008 in Italia si è registrata una diminuzione dei volumi di acqua usata per uso civile. Rispetto al 1999, la quantità pro capite è scesa del 9,2%, dato imputabile a una maggiore attenzione degli utenti finali nell’impiego dell’acqua. Se gli adulti cominciano a fare la loro parte, è importante sollecitare i giovani a un maggiore impegno: coordinati dallo staff dell’associazione ambientalista, i 50 ragazzi avranno modo di confrontarsi con gli esperti sulle corrette abitudini nell’uso di questa risorsa, sulla necessità di ridurre gli sprechi e su quello che ognuno può fare per tutelare l’oro blu del pianeta.

Infine, gli studenti potranno ammirare le fotografie realizzate da Paul Nicklen, vincitore dell’edizione 2012 del Veolia Environnement Wildlife Photographer of the Year con l’immagine scattata nell'ambito del reportage in Antartide per il National Geographic.

 

Roma, 21 Gennaio 2013

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM