Tecnologie antisismiche innovative per la protezione del David di Michelangelo - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Tecnologie antisismiche innovative per la protezione del David di Michelangelo

COMUNICATI STAMPA

Tecnologie antisismiche innovative per la protezione del David di Michelangelo
Prove dimostrative di terremoto nei laboratori ENEA


E' stato presentato oggi presso il Centro Ricerche ENEA della Casaccia il progetto per la messa in sicurezza del David di Michelangelo, per prevenire i possibili danni derivanti dalle scosse sismiche che dovessero verificarsi nell'area fiorentina, dove è situata l'opera d'arte, presso la Galleria dell'Accademia.

Sono state effettuate prove dimostrative di terremoto, consistenti in una serie di test su "tavole vibranti" che hanno simulato le scosse telluriche su una statua a grandezza naturale protetta alla base con isolatori sismici innovativi.

Si tratta di isolatori in acciaio che potranno essere applicati al capolavoro di Michelangelo, ponendoli sotto il basamento della statua, senza che essa venga minimamente toccata, per la sua protezione in caso di terremoti e che non richiedono manutenzione per oltre mille anni.
Gli isolatori sismici sono dispositivi composti da sfere di acciaio, che non avendo attrito, scivolano sul terreno in situazioni di vibrazione, disgiungendo i movimenti del terreno dal moto del basamento della statua.
I dispositivi per l'isolamento sismico in condizioni normali devono essere bloccati per evitare che la statua sia soggetta ad eventuali, pur minime, oscillazioni, ma vengono sbloccati al primo segnale di allerta, proveniente da una rete di sensori di allarme tempestivo.
Le tavole vibranti dell'ENEA hanno riprodotto sperimentalmente una serie di terremoti simili a quello di Colfiorito, Umbria, fino ad arrivare ad un sisma 5 volte superiore (dal livello di partenza di 0, 4 g di picco di accelerazione ad un'intensità finale di oltre 1,7g).

L'ENEA ha messo a disposizione le sue competenze per lo sviluppo di questi innovativi isolatori antisismici, a fronte delle richieste di collaborazione da parte dell'Università di Perugia, che ha condotto studi sulla vulnerabilità della statua del David, e della società ALGA, specializzata nella progettazione e installazione di appoggi strutturali e sistemi antisismici, già realizzati per la protezione di altre opere d'arte come per i Bronzi di Riace, il Satiro danzante di Mazaro del Vallo, l’Imperatore Germanico del Museo Archeologico di Perugia.
Per la realizzazione della messa in sicurezza del David di Michelangelo è stato stipulato un apposito Protocollo d'Intesa tra ENEA, Università di Perugia ed ALGA.
Le moderne tecniche di controllo delle vibrazioni sismiche rivestono grande interesse per la protezione del patrimonio culturale ed in particolare dei musei e delle zone archeologiche che custodiscono opere di grande pregio e vulnerabili alle vibrazioni.

Roma, 24 Novembre 2005

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM