Business, successi e opportunità per l’industria italiana nella costruzione del reattore sperimentale a fusione ITER - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Business, successi e opportunità per l’industria italiana nella costruzione del reattore sperimentale a fusione ITER

COMUNICATI STAMPA

Business, successi e opportunità per l’industria italiana nella costruzione del reattore sperimentale a fusione ITER
Italian ITER Business Forum


780 milioni di euro per la fornitura componenti ad alto contenuto tecnologico e 18 milioni in attività di ricerca e sviluppo, acquisiti attraverso gare competitive gestite da Fusion For Energy, l’agenzia europea  - istituita nel 2007  - responsabile per l’Europa del progetto: sono questi i numeri della partecipazione italiana a ITER, il Progetto trentennale per la costruzione e la sperimentazione di un reattore a fusione, situato a Cadarache in Francia, frutto di un accordo di collaborazione tra Europa, Stati Uniti, Giappone, Russia, Cina, India e Corea del Sud.

Alla presenza di oltre 150 imprese, ENEA, Confindustria Lombardia e il Lombardy Energy Cleantech Cluster hanno illustrato gli ottimi risultati fin’ora ottenuti dalla partecipazione delle imprese italiane: una conferma dello straordinario livello di competitività del nostro sistema, che ha saputo superare la forte concorrenza delle industrie europee in un campo ad alta tecnologia altamente qualificante.

Durante l’incontro sono state evidenziate le opportunità imprenditoriali che potranno essere colte nei prossimi anni: al momento, infatti, sono stati investiti poco più della metà dei fondi a disposizione per le imprese europee e si prevedono nuovi appalti per oltre 2,3 miliardi di euro.

I bandi per la realizzazione del reattore sperimentale a fusione ancora da assegnare riguarderanno componenti ad alta tecnologia - garantendo quindi una concreta opportunità anche per le piccole e medie imprese italiane operanti nell’hi-tech - ma riguarderanno anche tutte quelle imprese operanti in settori più tradizionali che vogliano affrontare nuove sfide.

All’incontro, tenutosi presso la sede di Assolombarda a Milano, hanno partecipato in qualità di relatori: Alberto Ribolla, nel suo doppio ruolo di Presidente di Confindustria Lombardia e di Lombardy Energy Cleantech Cluster; Rosario Bifulco, Consigliere incaricato per la competitività territoriale, Ambiente ed Energia di Assolombarda; Giovanni Lelli, Commissario ENEA; Francesco Tufarelli, Consigliere Presidenza del Consiglio delegato al semestre italiano di Presidenza UE; Aldo Pizzuto, Direttore Unità tecnica Fusione ENEA; Leonardo Biagioni, Direttore Dipartimento “Contract and Procurement” di Fusion for Energy e Sergio Orlandi, Direttore di ITER’s Central Engineering and Plant.

“Il Progetto ITER  rappresenta una straordinaria opportunità per le imprese italiane e lombarde – ha dichiarato Alberto Ribolla – I successi registrati fino ad oggi sono il risultato di un grande lavoro svolto in collaborazione tra aziende, centri di ricerca, università e istituzioni: il modello vincente  dell’ecosistema-cluster che stiamo cercando il più possibile di promuovere. Solo attraverso il lavoro di squadra le imprese, in particolare quelle del settore dell’impiantistica e legate all’energia, possono concorrere in modo efficace sui mercati interni ed esteri”.

“La collaborazione tra soggetti diversi – ha proseguito Ribolla – è utile anche e soprattutto per agevolare la conoscenza di strategiche quanto talvolta poco conosciute occasioni di business: l’incontro di oggi è servito a far conoscere le opportunità offerte da ITER, un Progetto altamente tecnologico dal forte respiro internazionale ma a pochi passi da casa. La forza del sistema imprenditoriale italiano si gioca infatti sulla specializzazione dei prodotti e non nella standardizzazione dei grandi numeri, ed è in questa arena che possiamo competere e vincere”.

“L’ENEA – ha dichiarato Giovanni Lelli – conscia dell’importanza per un Paese come il nostro di trovare nella competitività dei suoi prodotti high-tech la chiave di volta per affrontare e vincere le grandi sfide di una economia sempre più globalizzata, da decenni è impegnata ad attivare le indispensabili sinergie con il settore dell’industria e quello della formazione. Lo straordinario successo ottenuto dall’Italia nella partecipazione al progetto ITER, uno dei più complessi ed ambiziosi mai affrontati dal genere umano, dimostra inequivocabilmente come la strada tracciata da ENEA nella direzione di accrescere la competitività del Paese è quella giusta, il che significa aprire nuovi orizzonti ai nostri giovani migliori e al contempo non solo consolidare la leadership di quella parte della nostra industria già affermata, ma dare opportunità di crescita a quelle piccole e medie imprese che hanno bisogno di accrescere il loro livello competitivo. Auspico – ha aggiunto Lelli – che questo esempio diventi un modello a cui i decisori istituzionali facciano riferimento nel  definire quelle strategie che devono rilanciare il nostro Paese verso una crescita solida e duratura”.

Al termine della sessione plenaria, si sono tenuti incontri individuali fra i relatori e le imprese presenti, per un totale di quasi 100 B2B.

 

Milano, 26 Giugno 2014

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM