Scienza: un radar-laser aiuterà a ‘prevedere’ le eruzioni dei vulcani - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Scienza: un radar-laser aiuterà a ‘prevedere’ le eruzioni dei vulcani

COMUNICATI STAMPA

Scienza: un radar-laser aiuterà a ‘prevedere’ le eruzioni dei vulcani
La tecnologia sviluppata dall’ENEA presentata oggi a Monaco di Baviera all’Agenzia spaziale tedesca


Riuscire a prevedere l’approssimarsi di un’eruzione vulcanica, potendo preallertare le popolazioni delle zone circostanti potrebbe presto diventare una realtà grazie ad una tecnologia tutta italiana presentata oggi a Monaco di Baviera presso l’Agenzia Aerospaziale tedesca, in una conferenza di esperti europei ed aziende leader del settore.  Si tratta di  un radar laser (o lidar) messo a punto dall’ENEA, basato su una tecnologia molto sofisticata che  permette, per la prima volta,  di misurare la concentrazione di CO2 nei gas vulcanici, un’operazione che con altre tecniche è rara, lenta, pericolosa e complessa anche per la difficoltà della distanza.
Sono stati i vulcanologi a chiedere all’ENEA di sviluppare un radar laser capace di misurare rapidamente e a distanza il biossido di carbonio nei fumi, in modo da affinare i modelli di previsione delle eruzioni, sperando in futuro di poter allertare la popolazione in caso di pericolo.  
 ‘’Misurare il biossido di carbonio in pennacchi vulcanici è una sfida scientifica e tecnologica di estrema importanza. Infatti, è ormai assodato che le eruzioni sono precedute dall’aumento di questo gas nel fumo che esce dal cratere’’ spiega Luca Fiorani del Laboratorio Diagnostiche e Metrologia del Centro ENEA di Frascati che ha sviluppato il radar-laser.
Il laser-radar è stato messo a punto nell’ambito del progetto europeo BRIDGE (Bridging the gap between gas emissions and geophysical observations at active Volcanoes) dell’European Research Council, coordinato dal Prof. Alessandro Aiuppa dell’Università di Palermo ed è stato chiamato BILLI, acronimo di BrIdge voLcanic Lidar.
BILLI è in grado di misurare fino ad un chilometro di distanza e, grazie ad un sistema di specchi, il fascio laser può essere orientato in qualsiasi direzione, mirando con precisione la zona di pennacchio vulcanico da investigare.  I primi test sul campo sono stati fatti dal 13 al 17 ottobre presso la solfatara di Pozzuoli con il supporto dei ricercatori del Laboratorio di Chimica Ambientale dell’ENEA del Centro Ricerche Portici.
La tecnologia radar laser di BILLI si presta anche ad altre applicazioni in ambienti ostili, come i luoghi dove si è sviluppato un incendio o in contesti industriali o cittadini dove ci sono emissioni dovute a processi di combustione.

Per maggiori approfondimenti vedi Video:

http://webtv.enea.it/Members/webtvadmin/videos/billicontrollovulcani.mpg

https://www.youtube.com/watch?v=I9Sh60nQEMw&feature=youtu.be

 

Science: a laser radar will help predict future volcanic eruptions

The prediction of future volcanic eruptions and prompt alert of neighbouring populations could soon be a reality thanks to an entirely made-in-Italy technology presented at the German Space Agency’s conference of European experts and field-leading companies, held today in Munich. It is a laser radar (or lidar) developed by ENEA researchers and based on a very sophisticated technology, allowing to measure CO2 concentration in volcanic gases, an operation otherwise rare, slow, dangerous and complex, also for the difficulties posed by distance.

Volcanologists requested ENEA to develop a laser radar capable of making fast and remote measurements of carbon dioxide contained in volcanic fumes, providing more accurate eruption prediction models so that populations might be promptly alerted in case of danger.

‘’Measuring carbon dioxide in volcanic smoke plumes is a scientific and technological challenge extremely important. Actually eruptions are proved to be preceded by a higher release of gas in the smoke plumes from the crater’’ said Luca Fiorani, researcher of the ENEA Frascati Diagnostics and Metrology Laboratory, who created the laser radar.
Developed under the European Research Council’s BRIDGE (Bridging the gap between gas emissions and geophysical observations at active Volcanoes) project, coordinated by Prof. Alessandro Aiuppa (University of Palermo), this laser radar was named BILLI, the acronym for BrIdge voLcanic Lidar.

BILLI can make distance measurements up to 1 km; thanks to its mirror system the laser beam can be oriented in any direction, aiming with the maximum accuracy at the volcanic smoke plume area to be investigated.  The first field tests were performed on 13 to 17 October at Pozzuoli Solfatara with the support of researchers from the ENEA Portici Laboratory of Environmental Chemistry.

BILLI lasar radar technology can also find application in hostile environments, such as areas where a fire did break out or in industrial or urban areas subject to emissions from combustion processes.

 

See the following video for more detailed information:

http://webtv.enea.it/Members/webtvadmin/videos/billicontrollovulcani.mpg

https://www.youtube.com/watch?v=I9Sh60nQEMw&feature=youtu.be

 

Monaco di Baviera, 25 Novembre 2014

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM