Tecnologie ENEA e CNR per combattere l'inquinamento atmosferico - Comunicato ENEA

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Comunicati stampa contiene Tecnologie ENEA e CNR per combattere l'inquinamento atmosferico

COMUNICATI STAMPA

Tecnologie ENEA e CNR per combattere l'inquinamento atmosferico


Ricerca e impresa si incontrano a ECOMONDO, a Rimini, il 28 ottobre per una giornata di trasferimento tecnologico dedicato all'inquinamento atmosferico. Ne sono promotori gli Innovation Relay Centre IRENE e CIRCE* , rispettivamente coordinati dall'ENEA e dal CNR.

L'evento che si inserisce nell'ambito della fiera internazionale del recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile ECOMONDO 2005, sarà l'occasione per presentare al mondo della piccola e media impresa le più promettenti tecnologie sviluppate a livello europeo in questo settore.

CNR ed ENEA hanno individuato oltre 50 tecnologie sviluppate nei laboratori degli Enti di Ricerca, Università e aziende di tutta l'Unione Europea.

Fiore all'occhiello delle tecnologie ENEA sono:

  • il sistema MINNI, un modello integrato che, attraverso la simulazione dell'andamento delle concentrazioni dei principali inquinanti, permette di valutare l'efficacia e il costo degli interventi finalizzati al miglioramento della qualità dell'aria.
  • l'impianto EVA che, valutando la caratterizzazione chimico-fisica in atmosfera delle emissioni prodotte dai diversi veicoli, permette una corretta valutazione del loro impatto ambientale.
  • Il progetto ISHTAR che, attraverso la realizzazione di un software integrato, permette di valutare l'impatto ambientale di eventuali interventi sulla salute, sull'efficienza e la sicurezza del sistema di trasporto, sui beni monumentali considerando per la prima volta insieme questi tre ambiti.

Gioielli di casa CNR sono:

  • i dispositivi ANALYST per il monitoraggio di lungo periodo della qualità dell'aria in aree industrializzate, urbane e ambienti interni (indoor pollution). Come spiega il Dott. Ivo Allegrini, Direttore dell'Istituto sull'Inquinamento Atmosferico,"l'elevato grado di accuratezza e precisione, unito alla semplicità d'uso e ai bassi costi, consente di realizzare mappature accurate della distribuzione media degli inquinanti in una data area". Utilizzati in varie aree industriali Italiane e in Cina, questi dispositivi consentono di valutare l'impatto ambientale di sostanze quali ad esempio il benzene, un cancerogeno ben noto, e l'ossido di azoto.
  • l'unità mobile Lavoisier Light™ Advanced Mobile Unit (AMU) per piccoli veicoli. Tipicamente utilizzata per analisi su traffico stradale o in zone industriali, l'unità è grado di misurare in tempo reale il livello di inquinamento dell'aria e trasmettere dati in tempo reale su Internet, sia mediante connessione LAN diretta o - più spesso - tramite link dati GPRS in telefonia cellulare, permettendo di ottenere mappe bi-dimensionali sull'inquinamento in città.

Per informazioni:

Diego Santi, Paola Leonelli - ENEA - IRC IRENE
Tel. 051/6098070 - email: irene@bologna.enea.it
Sara Di Marcello, Stefania Giuffrida - CNR - IRC CIRCE
Tel 06/49932538 - email: circe@dcas.cnr.it

*Gli Innovation Relay Centre (IRC) sono un network promosso dalla Commissione Europea allo scopo di sostenere l'innovazione nelle PMI, favorire il trasferimento tecnologico da e verso le imprese, promuovere la partecipazione a iniziative transnazionali quali la ricerca di strumenti per il finanziamento, dell'innovazione, l'individuazione e l'attivazione di parternariati . Gli IRC sono attivi dal 1995 e sono 71 centri dislocati in diversi paesi europei.

Roma, 25 Ottobre 2005

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM