Quando l'Atlantico influenza il Mediterraneo - Il Clima - Ambiente, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]


QUALCHE SPUNTO SU...

Quando l'Atlantico influenza il Mediterraneo


Sappiamo che la variabilità del clima della regione Mediterranea è interconnessa a quella del settore
Atlantico. Inoltre, l’interazione tra  i cicloni mediterranei e la complessa topografia dell’area produce a sua volta rilevanti fenomeni oceanici, che possono interessare le coste italiane, quali ad esempio gli eventi  di acqua alta. Per quel che concerne la variabilità climatica del settore Atlantico, è dominata da una bassa pressione centrata sull’Islanda contrapposta ad un’alta pressione centrata
intorno alle Azzorre. L’intensità relativa di questi due centri di bassa e alta pressione non è costante nel tempo, ma varia sia sulle scale dei pochi giorni che su quelle dei mesi e degli anni. L’alternarsi dell’intensità relativa tra questi due centri di pressione è determinante nell’evoluzione e nel cammino delle perturbazioni atlantiche verso l’Europa e condiziona il regime di precipitazioni nel
settore Mediterraneo e Nord-Europeo. Questa ‘altalena’ del clima Atlantico è nota come la North Atlantic Oscillation (NAO), la cui intensità viene misurata quantitativamente con un determinato indice che, quando è positivo registra una piovosità inferiore alla norma, quando invece è fortemente negativo indica che le precipitazioni sono più intense del normale.

Per saperne di più:

Dossier: "ENEA per lo studio dei cambiamenti climatici e dei loro effetti"

 

[ Torna inizio pagina ]

2005/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM