Risparmio energetico con la lavastoviglie - Risparmio energetico nella casa: consigli utili per un uso efficiente dell'energia e degli elettrodomestici - Risparmio energetico ed efficienza energetica

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Qualche spunto su... contiene Risparmio energetico ed efficienza energetica contiene Risparmio energetico nella casa: consigli utili per un uso efficiente dell'energia e degli elettrodomestici

QUALCHE SPUNTO SU...

Risparmio energetico con la lavastoviglie


Devi comprare una lavastoviglie nuova e ti stai chiedendo: come si sceglie, qual è il modo migliore per utilizzarla, quanto consuma, di quanta manutenzione ha bisogno ?

Ebbene, a tutte queste domande c'è ora una risposta. Basta consultare lo specifico opuscolo informativo dell'ENEA, che fornisce consigli pratici per l'acquisto, l'installazione, l'utilizzo e la manutenzione di questo elettrodomestico, diventato ormai indispensabile nelle nostre case.

L'acquisto

In fase di acquisto è preferibile:

  1. controllare l'etichetta energetica, che indica il consumo effettivo di energia, espresso in kWh, in un determinato ciclo di lavaggio;
  2. optare per il modello con la capacità che serve realmente;
  3. scegliere i modelli di ultima generazione, perché garantiscono risultati migliori con un minore dispendio di energia elettrica, di acqua e di detersivo, grazie anche alla possibilità di effettuare cicli "rapidi" quando i piatti non sono molto sporchi;
  4. verificare la conformità dell'apparecchio alle norme di legge in materia di sicurezza, controllando la presenza del marchio di qualità IMQ o un altro marchio riconosciuto a livello europeo.

I consumi

I nuovi modelli di lavastoviglie consumano, per il ciclo più lungo, tra 1,4 e 1,8 kWh rispetto ai 2,5 kWh delle lavastoviglie tradizionali. I consumi risultano ridotti drasticamente quando si utilizzano i cicli "rapidi" (circa 0,7 kWh).
Per un lavaggio completo i modelli più recenti hanno bisogno di 20 g di detersivo rispetto ai 40 g di quelli più vecchi.
Alcune lavastoviglie possono essere alimentate direttamente con acqua calda, collegando l'apparecchio ad uno scaldacqua a gas; in questo modo si risparmia energia e i tempi di lavaggio diminuiscono.
Inoltre, ogni lavastoviglie è fornita di un impianto di decalcificazione, che riduce la durezza dell'acqua evitando la formazione di calcare che, depositandosi sulle resistenze e sulle parti meccaniche, provoca un aumento dei consumi e un cattivo funzionamento della macchina. Per mantenere il dispositivo sempre efficiente è necessario mettere regolarmente sale nell'apposito contenitore.

L'utilizzo

  1. Disporre correttamente le stoviglie nella macchina, dopo aver tolto i residui delle pietanze per non intasare il filtro
  2. Utilizzare il ciclo intensivo solo quando è necessario
  3. Adottare il programma "economico" per le stoviglie poco sporche
  4. Far funzionare la lavastoviglie solo a pieno carico
  5. Usare il lavaggio rapido quando ci sono poche stoviglie da lavare e si vuole ultimare il carico in un secondo tempo, evitando che si formino cattivi odori e incrostazioni difficili
  6. Utilizzare detersivi specifici nelle dosi consigliate
  7. Eliminare l'asciugatura con l'aria calda.

La manutenzione

  • Pulire spesso il filtro
  • Usare con regolarità il sale per prevenire la formazione di incrost azioni calcaree.

Per saperne di più consulta l'opuscolo ENEA "Risparmio energetico con la lavastoviglie"

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM