Carbone pulito: un ruolo strategico per l'ENEA - Carbone pulito

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]


QUALCHE SPUNTO SU...

Carbone pulito: un ruolo strategico per l'ENEA


In tema di carbone pulito l’ENEA partecipa ad iniziative che riguardano studio, sviluppo e dimostrazione di cicli avanzati per la generazione di energia elettrica, per l’innovazione tecnologica del sistema produttivo nazionale, in modo da contribuire alla crescita di competitività delle nostre aziende nel mercato globale. Inoltre collabora con l’industria nazionale e opera in stretto raccordo con Ministeri competenti, Regioni e Amministrazioni locali per promuovere insieme lo sviluppo di programmi e progetti integrati. La strategia dell’ENEA per lo sviluppo di tecnologie sul carbone pulito segue uno schema molto preciso: condurre programmi di ricerca, sviluppo e dimostrazione di tecnologie e processi innovativi che possano trovare un utilizzo industriale nel breve-medio termine ma senza escludere  anche prospettive più ampie. Si  tratta di sviluppare la filiera della sequestrazione della CO2 in due diverse tipologie di impianti: quelli basati sulla combustione innovativa del carbone con ossigeno, e quelli che provvedono ad una preventiva gassificazione del carbone. Nel primo caso si punta ad introdurre una nuova modalità di combustione per il carbone in modo da raggiungere eccellenti risultati di efficienza e prestazioni ambientali: si tratta della cosiddetta combustione ‘mild’ o ‘senza fiamma’ studiata da anni nei laboratori dell’Ente, che ha fornito risultati eccezionali nel settore siderurgico e, recentemente, anche nella termovalorizzazione dei rifiuti. La sfida è applicarla in modo ingegneristicamente efficace anche per il carbone. Le frontiere riguardano i nuovi cicli di gassificazione con cattura e sequestro della CO2, la produzione combinata di energia elettrica e idrogeno, il confinamento definitivo della CO2, ad esempio nelle formazioni carbonifere del Sulcis, in Sardegna, con contemporanea estrazione del metano. Nell’ambito delle iniziative internazionali si punta poi a rafforzare la presenza nelle piattaforme tecnologiche della Commissione Europea, nel Carbon Sequestration Leadership Forum e nell’International Partneship for Hydrogen Economy, con una partecipazione attiva e propositiva resa possibile dai successi ottenuti nei laboratori nazionali.

Zecomix

 

image coal

 

image

 

image

Per saperne di più:

Dossier: "Carbone: obiettivo zero emission"

 

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM