Risparmio energetico nella casa - Risparmio energetico nella casa: consigli utili per un uso efficiente dell'energia e degli elettrodomestici - Risparmio energetico ed efficienza energetica

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Qualche spunto su... contiene Risparmio energetico ed efficienza energetica contiene Risparmio energetico nella casa: consigli utili per un uso efficiente dell'energia e degli elettrodomestici

QUALCHE SPUNTO SU...

Risparmio energetico nella casa


La bolletta dell'elettricità è sempre più cara e le spese per il riscaldamento gravano pesantemente sul bilancio familiare, determinando una maggiore attenzione da parte degli utenti ad un uso più razionale dell'energia negli edifici.

A fronte di una crescente domanda di edifici che permettono di contenere i consumi energetici, sono stati messi a punto specifici criteri di progettazione per le nuove costruzioni; per gli edifici già esistenti è invece necessario intervenire direttamente sul contenimento dei consumi.

Gli edifici costruiti dopo il 1977 dovrebbero rispettare tutti la normativa sul contenimento dei consumi (L. 373/76 e L. 10/91) e quindi disporre di quell'isolamento necessario per ridurre le dispersioni di calore.

Per quelli antecedenti è possibile comunque attivare interventi che riguardano in generale il risanamento energetico dell'edificio per ottenere una temperatura uniforme in tutto il fabbricato, compresi i primi e gli ultimi piani che generalmente registrano una maggiore dispersione di calore.

A tale scopo, sono necessari i seguenti interventi:

  • coinbentazione delle pareti dell'edificio, attraverso l'aggiunta di uno strato di materiale isolante che può essere inserito dall'interno, dall'esterno e nell'intercapedine;
  • isolamento delle coperture: il tetto è l'elemento che disperde più calore in assoluto;
  • isolamento del soffitto dei locali non riscaldati: cantine, garage e porticati che, essendo a diretto contatto con l'ambiente esterno, presentano una dispersione di calore maggiore;
  • eliminazione delle infiltrazioni dalle finestre: controllo dei vetri e del cassonetto e miglioramento della tenuta all'aria dei serramenti attraverso guarnizioni, doppi vetri, tendaggi pesanti, vetrocamere ecc.

Dopo qualunque intervento di risanamento energetico bisogna ricordarsi che è sempre necessario procedere alla ri-regolazione dell'impianto di riscaldamento, altrimenti la casa sarà più calda, ma i consumi energetici rimarranno gli stessi.

A partire dall'agosto del 1994 sono diventati obbligatori (DPR 412 del 26/08/93) i controlli sull'efficienza degli impianti termici, per cui va eseguita una manutenzione certificata almeno una volta l'anno, sia su quelli centralizzati che su quelli autonomi. Gli interventi più comuni riguardano: il controllo della temperatura e dei fumi del camino, la pulizia della caldaia e la regolazione della combustione del bruciatore ecc.

E' oggi possibile, attraverso l'istallazione di valvole termostatiche ad ogni radiatore della casa, regolare meglio le temperature interne ed assicurare ad ogni ambiente la temperatura più giusta.

Si sta affermando l'esigenza di disporre di impianti autonomi per una maggiore flessibilità di utilizzo. Prima di decidere di installare un impianto autonomo è opportuno valutare anche le eventuali criticità di tale scelta, che comportano l'approvvigionamento di un unico combustibile come il metano, sostenere per intero tutte le spese di manutenzione della caldaia autonoma, la resa minore rispetto ad un impianto centralizzato ecc. È oggi però possibile usufruire dei vantaggi di un impianto centralizzato unendoli a quelli di un impianto autonomo (possibilità di scegliere temperature ed orari secondo le proprie esigenze), installando a tutti i termosifoni nel condominio un sistema di contabilizzazione del calore ed applicando la ripartizione delle spese ai singoli condomini (ognuno pagherà oltre ad una quota fissa stabilita dal condominio, solo ciò che avrà effettivamente utilizzato).

Risparmio energetico con gli impianti di riscaldamento

Il riscaldamento è, dopo il traffico, la maggiore causa di inquinamento delle città italiane. La legge n. 10 del 1991 (e successivi decreti di attuazione D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993) riguarda la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti di riscaldamento per il contenimento dei consumi di energia, la riduzione delle emissioni inquinanti e l'aumento della sicurezza.

Edifici nuovi e ristrutturazioni

Gli edifici nuovi, successivi al 1994, devono essere progettati e realizzati in modo da rispettare le nuove normative. In base a tali normative l'impianto termico e l'edificio sono da considerarsi come un unico sistema che deve avere caratteristiche di efficienza energetica di sicurezza.
Lo stesso vale anche in caso di ristrutturazione dell'impianto termico, installazione di un impianto termico in edifici esistenti e sostituzione della caldaia; pertanto, insieme alla denuncia di inizio lavori di costruzione dell'edificio o di ristrutturazione dell'impianto, il proprietario deve depositare presso il comune una relazione che contenga:

  • il progetto dell'impianto termico
  • il calcolo del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il calcolo del rendimento stagionale, cioè dell'efficienza dell'intero sistema che comprende l'involucro edilizio, la caldaia, la rete di distribuzione, i termosifoni ed i sistemi di regolazione.

Le parti che compongono l'impianto termico sono:

  • la caldaia, che trasforma l'energia del combustibile in energia termica;
  • la rete di distribuzione dell'acqua o dell'aria calda;
  • i termosifoni, che trasferiscono l'energia termica all'ambiente interno;
  • i sistemi di regolazione (termostati, valvole ecc. ), che ne gestiscono il funzionamento.

Questi componenti dell'impianto termico devono essere scelti e progettati insieme all'edificio e non, come spesso avveniva prima, in una fase successiva.
L'installazione deve essere effettuata da una ditta specializzata e in possesso dell'abilitazione prevista dalla legge n. 46 del 1990. La ditta deve rilasciare al proprietario una dichiarazione di conformità dell'impianto necessaria, anche, per ottenere il certificato di abitabilità dell'immobile.

La caldaia

E' composta da un bruciatore che miscela l'aria con il combustibile e alimenta una camera di combustione (il focolare), da una serie di tubi (tubi di fumo) attraverso i quali i fumi caldi prodotti dalla combustione scaldano il fluido termovettore e da un involucro esterno di materiale protetto da una lamiera (mantello). Ogni caldaia è caratterizzata da:

  • una potenza termica del focolare, che indica la quantità di calore sviluppata, per ogni ora, nella camera di combustione;
  • una potenza termica utile, cioè la quantità di calore effettivamente trasferita, per ogni ora, al fluido termovettore.

La scelta della potenza della caldaia da installare dipende dalle caratteristiche dell'edificio, dall'ubicazione e dalla destinazione d'uso. Se la potenza necessaria a scaldare l'edificio supera i 350 kW, è necessario installare due o più caldaie. In questo modo si evita che caldaie molto grandi lavorino, in particolare nelle stagioni intermedie, a basso regime. Al di sopra di 116 kW (100.000 kcal/h) è necessario un “Certificato di Prevenzione Incendi” rilasciato dai Vigili del Fuoco. Per motivi di sicurezza la caldaia deve essere collocata in un locale di dimensioni adeguate e con un ricambio d'aria sufficiente a reintegrare l'ossigeno consumato dalla combustione.

La rete di distribuzione

La rete di distribuzione è costituita dall'insieme delle tubazioni di mandata e di ritorno che collegano la caldaia ai termosifoni. Negli impianti di riscaldamento l'acqua, calda partendo dalla caldaia, percorre le tubazioni di mandata, riscalda i radiatori e l'ambiente, e ritorna a temperatura più fredda alla caldaia stessa. Per contenere la dispersione di calore, le tubazioni devono essere protette da un adeguato strato di materiale isolante.

I radiatori

I radiatori (o termosifoni) sono i terminali dell'impianto, attraverso i quali il calore contenuto nell'acqua viene ceduto all'ambiente da riscaldare. I radiatori in ghisa mantengono più a lungo il calore, ma si scaldano lentamente, mentre quelli in alluminio o in acciaio si scaldano più velocemente, ma tendono a raffreddarsi in fretta.
Con alcuni accorgimenti è possibile ottimizzare l'efficienza energetica di casa, facendo attenzione, per esempio, a non frapporre mobili davanti ai radiatori, ostacolando la circolazione dell'aria, oppure, se il radiatore è collocato nel vano sottofinestra inserire un pannello di materiale isolante contro il muro per evitare dispersioni verso l'esterno dell'edificio.

I sistemi di regolazione

I sistemi di regolazione hanno lo scopo di mantenere la temperatura costante negli ambienti esterni, indipendentemente dalle condizioni climatiche esterne.
Gli impianti centralizzati sono dotati di una centralina con la quale vengono impostati i tempi di accensione dell'impianto e viene regolata la temperatura di mandata dell'acqua ai radiatori in base alla temperatura esterna.
Gli impianti individuali, di solito, sono provvisti di un programmatore che accende e spegne la caldaia in base alla temperatura scelta (termostato), alla temperatura ambiente e ad orari prefissati (cronotermostato).
Per un minore consumo di energia è possibile installare sui radiatori valvole termostatiche per regolare automaticamente l'afflusso di acqua calda in base alla temperatura scelta ed impostata su un'apposita manopola graduata.
Durante la stagione di riscaldamento, la temperatura media degli ambienti delle abitazioni non deve superare i 20 °C (con una tolleranza di 2 °C). Il periodo dell'anno nel quale è consentito tenere in funzione gli impianti di riscaldamento e il numero massimo giornaliero di ore di accensione dipendono dal clima della località dove è ubicato l'edificio. Per regolamentare l'utilizzo degli impianti a livello nazionale sono stati fissati i valori relativi alla temperatura media degli ambienti da ottenere con il riscaldamento in base alla suddivisione del territorio nazionale in 5 zone climatiche ed assegnano a ciascuna un valore in "Gradi Centigradi1".

La gestione degli impianti

La responsabilità di gestione degli impianti di riscaldamento centralizzati è dell'Amministratore, mentre nel caso di impianti individuali è del singolo inquilino. Il responsabile deve accertarsi che sia stata rilasciata la dichiarazione di conformità dell'impianto, deve provvedere alla sua manutenzione per evitare sprechi di energia e ridurre l'inquinamento, deve compilare e conservare il libretto d'impianto ed, infine, esporre, nel caso di impianto centralizzato, una tabella con l'indicazione del periodo e dell'orario di funzionamento con i riferimenti di chi si occupa della manutenzione.

Verifica del rendimento

Le verifiche strumentali che la legge impone di fare periodicamente consistono nella misura della temperatura dei fumi che fuoriescono dalla caldaia, del loro contenuto di ossigeno o di anidride carbonica (CO2), di monossido di carbonio (CO), di particelle incombuste. I valori rilevati servono per calcolare il rendimento di combustione della caldaia, cioè il suo grado di efficienza.
L'ENEA svolge corsi di formazione per l'aggiornamento professionale dei tecnici che si occupano della manutenzione e, su richiesta degli Enti locali, ne accerta l'idoneità tecnica.

Per saperne di più consulta:

1 Gradi giorno è l'unità di misura utilizzata per indicare la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente, convenzionalmente fissata a 20° C, e la temperatura media esterna giornaliera.

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM