RIADE: un progetto nazionale per la lotta alla desertificazione - Desertificazione - Ambiente, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]


QUALCHE SPUNTO SU...

RIADE: un progetto nazionale per la lotta alla desertificazione


Combattere la desertificazione, un processo di degrado lento ma inesorabile che coinvolge i territori di molti Paesi in via di sviluppo, ma anche quelli delle nostre latitudini. Un fenomeno determinato soprattutto dall’impatto delle attività dell’uomo, prima tra tutte l’agricoltura considerata una delle maggiori responsabili, ma anche dai cambiamenti climatici in atto. Con questo obiettivo nasce RIADE (Ricerca Integrata per l’Applicazione di tecnologie e processi innovativi per la lotta alla DEsertificazione), il più grande progetto a livello nazionale, la cui responsabilità è stata affidata all’ENEA. Cofinanziato dal MIUR (Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca ) nell'ambito del Programma Operativo Nazionale di "Ricerca, Sviluppo Tecnologico ed Alta Formazione" 2000 – 2006, i risultati di RIADE, che ha ottenuto in totale 8,7 milioni di euro, saranno presentati nel prossimo autunno sia a Roma, che nelle singole Regioni coinvolte. L’equipe, costituita da una cinquantina di ricercatori che coinvolge sei diversi Centri dell’Ente (Casaccia, Frascati, Trisaia, Portici, Bologna e Brindisi) guidata da Massimo Iannetta, ha sviluppato un sistema informativo integrato e tecnologicamente innovativo per il monitoraggio dei processi di desertificazione localizzati in alcune aree del Mezzogiorno. “Si tratta di un progetto di ricerca applicata - spiega Iannetta - in grado di contribuire alla determinazione dei rapporti di causa-effetto di questi fenomeni e quindi di promuovere interventi di salvaguardia del territorio”. Le Regioni italiane considerate a rischio di desertificazione sono quelle del Mezzogiorno (Sicilia, Sardegna, Basilicata e Puglia), dove il fenomeno rappresenta una vera e propria emergenza ambientale tale da influire sullo sviluppo socio-economico dell'area. Le osservazioni relative al progetto sono infatti riscontrabili in diversi processi di degradazione dei suoli, tipici dell'area del Mediterraneo. Molte sono le collaborazioni in corso con il mondo delle piccole e medie imprese nate per favorire ricadute applicative che stanno dando vita anche a diverse iniziative di spin-off.

Per saperne di più:

Responsabile progetto RIADE
Massimo Iannetta
miannetta@casaccia.enea.it

 

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM