Tecnologie ENEA per la lotta contro il terrorismo - Tecnologie per la sicurezza

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]


QUALCHE SPUNTO SU...

Tecnologie ENEA per la lotta contro il terrorismo


Si legge ISOTREX (Integrated System for On-line TRace EXplosives detection insolid e vapour state), si traduce in un alleato per combattere il terrorismo. Artefice di questo progetto è l’ENEA, a cui la Commissione Europea ha affidato il coordinamento per la messa a punto di un innovativo sistema per il controllo dei bagagli ma anche degli oggetti personali, in modo da accertare la presenza di esplosivi mediante un laser. Partecipano al  progetto, oltre all'ENEA, il CNR e tre società, l’austriaca IPAC - Improve Analytics and Control GmbH, la tedesca von Hoerner & Sulger GmbH e l’italiana Telcon srl. L'obiettivo? Elevare il grado di prevenzione contro  possibili attentati terroristici soprattutto negli aeroporti, nelle stazioni, nei porti e ai danni di grandi infrastrutture. Un impegno assunto dall’Ente con particolare responsabilità, perché va a soddisfare gli attuali bisogni della società che chiede sempre più sicurezza. Ad illustrare il processo su cui si concentrerà la ricerca, è il coordinatore, Antonio Palucci, spiegando che i sistemi di rivelazione sono due. “Le tecnologie messe in campo sono il LIBS (Laser Induced Breakdown Spectroscopy) per il riconoscimento in tempo reale di componenti elementari presenti in polveri, liquidi o aerosoli, e la spettroscopia a infrarosso, definita anche Cavity Ring Down Spectroscopy e rivelazione Fotoacustica, utilizzata per rilevare l'assorbimento delle bande di vibrazione delle molecole, per l'analisi in fase gassosa dei componenti". In pratica, si tratta di tecnologie che si avvicinano molto a quei rivelatori chiamati ‘nasi intelligenti’. Un impegno, quello dell’ENEA che va nella direzione del sociale, andando incontro ai bisogni di una società che chiede sempre più sicurezza in tutti i campi. “Quanto ai tempi - conclude Palucci - entro due anni ISOTREX svilupperà due prototipi, che potranno essere successivamente industrializzati per l'individuazione di sostanze esplosive, in modo da essere poi commercializzati e installati nei siti ritenuti a rischio”.

Dossier: "ENEA per il governo e la sicurezza delle grandi reti tecnologiche ed energetiche"

 

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM