Mandorlo, nocciolo, due prodotti tutti da salvare. Il progetto Safenut - Biodiversità e agroecosistemi - Agricoltura eco-sostenibile, agroindustria, biotecnologie

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]


QUALCHE SPUNTO SU...

Mandorlo, nocciolo, due prodotti tutti da salvare. Il progetto Safenut


Recuperare, identificare e gestire le risorse genetiche tradizionali del corylus avellana e del prunus dulci. Si tratta di due preziose piante, il nocciolo e il mandorlo, su cui si è concentrato il progetto ‘Safenut’, finanziato con 1.120 milioni di euro dall’Unione Europea, che per tre anni vedrà il coinvolgimento di sei paesi, Grecia, Spagna, Francia, Slovenia e Portogallo, coordinati dall’Italia attraverso l’ENEA. Sono tre le peculiarità di questa iniziativa: la valorizzazione delle caratteristiche nutrizionali e nutraceutiche delle nocciole e delle mandorle, ma anche del ruolo di Regioni, imprese locali del settore alimentare e dolciario e associazioni dei consumatori; sarà determinante anche l’analisi degli aspetti economici e socio-culturali correlati ad una produzione sostenibile e al recupero delle memoria storica. Si tratta di un progetto che rientra nell’ambito della salvaguardia delle biodiversità, da cui si attendono risultati importanti. Innanzitutto un ampliamento delle conoscenze sulla diversità di nocciolo presente sia in Italia e quindi in Europa, che in paesi extra UE; non è un caso che il coordinamento di Safenut sia stato affidato proprio all’Italia (secondo produttore mondiale dopo la Turchia) dove il nocciolo è coltivato in modo intensivo in alcune zone ben determinate, ognuna con una varietà ben determinata. In Piemonte, nelle Langhe, c’è la Tonda Gentile delle Langhe; nel Lazio, in provincia di Viterbo la Tonda Gentile Romana; in Campania, la Tonda di Giffoni, Camponica, Mortadella e S. Giovanni. Il progetto prevede poi: di recuperare ‘ecotipi’ tradizionali e di antiche varietà, con le relative conoscenze su pratiche colturali e usi tradizionali; di approfondire la caratterizzazione morfologica, chimica e molecolare delle accessioni, con particolare riferimento agli aspetti nutraceutici dei frutti; di realizzare una core collection rappresentativa delle variabilità inter varietale del germoplasma. Tutto questo materiale servirà poi a realizzare un Atlante delle risorse genetiche di nocciolo e mandorlo collegato con i database europei di Fao-Ipgri e Prunus database.


Per saperne di più:

 

Alcune varietà di noccioli
Alcune varietà di noccioli

Albero di mandorlo in fiore

 Albero di mandorlo in fiore

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM