Un "Packaging" per mangiare sicuro - L'Europa promuove l'agroalimentare della tradizione - Agricoltura eco-sostenibile, agroindustria, biotecnologie

[ Vai direttamente ai contenuti ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi e contenuti:
Menu di servizio per contatti e mailing list;
Menu delle aree del sito per la stampa;
Contenuti
Informazioni sul sito

[ Torna inizio pagina ]

[ Torna inizio pagina ]

Sei in: Home contiene Qualche spunto su... contiene Agricoltura eco-sostenibile, agroindustria, biotecnologie contiene L'Europa promuove l'agroalimentare della tradizione

QUALCHE SPUNTO SU...

Un "Packaging" per mangiare sicuro


Il confezionamento di alimenti è una materia complessa al cui sviluppo devono concorrere diverse tecnologie. Se poi a dover essere imballato è un prodotto biologicamente ‘vivo’ la complessità aumenta. La filiera italiana dell'imballaggio comprende sia le aziende legate alla costruzione di macchinari, in cui detiene la leadership nel mondo, che quelle che producono i singoli materiali. L'Europa è al primo posto nel mondo per la produzione di imballaggi e l'Italia, a sua volta, è seconda solo alla Germania. Il settore alimentare assorbe il 42% circa della produzione complessiva di questo comparto, seguito dalle bevande con il 23%, il farmaceutico con l'11%, l'abbigliamento con il 7% e gli altri con  il 17%. All'interno di tale quota di mercato, risultano particolarmente in crescita gli imballaggi per surgelati, pasta alimentare fresca e bevande analcooliche. Il settore  "packaging" riveste comunque un'importanza orizzontale ed un ruolo di volano nei confronti del prodotto, promuovendo una continua ricerca di soluzioni tecnologiche innovative che contribuiscano a preservare al meglio le caratteristiche sensoriali dei prodotti confezionati. Il    progetto sviluppato nel Centro ENEA della Trisaia garantisce l’apporto della tecnologia dei film polimerici ad alta barriera e delle sue potenzialità. In particolare sono previsti tre obiettivi: caratterizzazione di film semplici e compositi per imballaggio alimentare di prodotti derivati da cereali (pasta fresca), agrumi (con particolare riferimento alla quarta gamma), orticole (prodotti innovativi e quinta gamma, vale a dire i precotti); valutazione tecnologica di impiego dei film selezionati per il confezionamento funzionale dei prodotti individuati; prolungamento della “shelf-life” (durata dell’immagazzinamento) mediante tecniche di condizionamento/confezionamento per particolari prodotti alimentari, soprattutto nella tipologia quinta gamma.

Per saperne di più:

www.truefood.eu

 

[ Torna inizio pagina ]

2002/2008 - Powered by ENEA INFOUTE & RESUSMEDIA & RESRELCOM